Fare la fashion blogger è veramente un lavoro?

Ragazza al computer controlla lo smartphone e con l'altra mano regge un bicchiere

Ultimamente sono molto popolari, le vediamo ogni giorno su Instagram e Facebook intente a selfarsi e pubblicizzare il prodotto di turno; sono le fashion blogger. Cosa fanno lo sappiamo, quello che vogliamo capire oggi è se la loro attività può considerarsi un vero e proprio lavoro. Insomma riescono a tirarci fuori uno stipendio da questa occupazione?

Un fashion blog è uno dei classici modi attraverso i quali un’appassionata di moda, bellezza e makeup può guadagnare attraverso la sua passione. In questo articolo vedremo quali sono le tecniche più utilizzate per guadagnare con un blog, nello specifico uno che tratta di moda e bellezza.

La doverosa premessa da fare, è che non potete guadagnare con un beauty blog se non si verificano i seguenti due requisiti. Prima di tutto il sito deve fare numeri importanti per quanto riguarda il traffico in entrata, sia esso derivato da una certa viralità dei contenuti proposti sia esso derivato da un buon posizionamento sui motori di ricerca per un elevato numero di query. Questi due requisiti possono essere raggiunti solo attraverso un lavoro costante sul blog fatto di produzione continuativa di articoli ed approfondimenti di buona qualità, estesi per quanto riguarda la lunghezza, corredati opportunamente da immagini e video e realizzati in chiave SEO. Per raggiungere questi obiettivi è utile anche scrivere in funzione di un piano editoriale preparato a priori e solo dopo aver analizzato bene le analitiche del sito.

Fatta questa lunga premessa ecco i metodi per guadagnare con un fashion blog.

Per prima cosa, se il numero di visitatori del sito si attesta intorno alle centinaia di migliaia potete iscriverti ad una piattaforma per editori in stile Criteo. Questa è solo una delle svariate piattaforma che paga i suoi editori in modalità CPM ovvero Cost Per mille impression. Appare quindi chiaro che un blog che non fa grandi numeri a livello di visitatori, non otterrà nessun vantaggio dall’iscrizione a questo tipo di piattaforma. I sistemi CPM stanno piano piano andando a soppiantare i sistemi Pay Per Click come Google Adsense che per via del fenomeno della “Banner Blindness” sono sempre meno efficaci in termini di guadagni.

Il secondo metodo è strettamente connesso al ranking SEO del sito. Se la maggior parte del traffico del vostro blog proviene dai motori di ricerca, se Domain Authority e Page Authority hanno valori elevati, se il vostro blog è posizionato per chiavi di ricerca molto competitive, allora potete tranquillamente pensare di guadagnare attraverso la collaborazione con professionisti o agenzie che si occupano di SEO. La chiave del guadagno in questo senso è la vendita di guestpost. Ma attenzione non lasciatevi catturare da facili entusiasmi. Tenete sempre a mente le best practice della SEO ed evitate di pubblicare articoli sovra ottimizzati che potrebbero farvi incappare in facili penalizzazioni da parte di Google.

Il terzo e ultimo metodo riguarda i programmi di affiliazione. Se avete svariate pagine del sito che parlano di prodotti e strumenti di bellezza e queste pagine portano al vostro sito un elevato numero di visitatori, allora piazzateci i vostri link di affiliazione ad un ecommerce online. Quando aderite ad un programma di affiliazione e dai link che ricevete presenti sul vostro sito, si verifica una vendita, voi guadagnate una piccola commissione. Tutte le commissioni messe insieme vanno a formare un payout minimo che una volta raggiunto vi consente di ricevere sul vostro conto corrente l’ammontare delle commissioni maturate.

Esistono molti ecommerce che dispongono di un proprio programma di affiliazione, Amazon su tutti, oppure è possibile passare per delle piattaforme che mettono a disposizione i programmi di affiliazione esterni di una grande molteplicità di negozi online, divisi per categoria. Le più famose piattaforme di affiliazione in questo senso in Italia sono Zanox e Tradedoubler.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *